• modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-01.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-02.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-03.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-04.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-05.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-06.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-07.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/salute-ulss-4-08.jpg
cadute anziani

Cadute

nell'età senile

Conoscere e prevenire le cadute nell'età senile, in modo semplice ma efficace.

bannerpromo

Cadute - Prevenzione nell'età senile 

cadute anziani

La prevenzione delle cadute dell'anziano

Descrizione del problema:
- Le cadute rappresentano un problema di grande importanza assistenziale, psicologico ed economico: il 40-50% degli anziani che vivono in casa, cade almeno una volta all'anno.
- La frequenza delle cadute aumenta con l'avanzare dell'età.
- Le donne cadono più frequentemente degli uomini e si fratturano con maggiore facilità.
- Per la maggior parte le cadute dell'anziano sono causate da malattie neurologiche e dell'apparato muscolo-scheletrico nonché dall'uso incongruo e/o dagli effetti collaterali di farmaci, specialmente sedativi, diuretici e ipotensivi.
- Il 40-50% degli incidenti è attribuibile a cause accidentali rappresentate per lo più da fattori ambientali e personali.


Cosa sono e perchè sono così frequenti nell'anziano?
- Per caduta si intende una perdita dell'equilibrio e quindi della stabilità, senza perdita di coscienza.
- L'invecchiamento determina una progressiva riduzione delle principali funzioni dell'organismo.
- In particolare nell'anziano risulta compromessa la capacità di correggere tempestivamente gli squilibri, cioè i repentini e improvvisi cambiamenti di posizione del corpo, essendo i riflessi più lenti.
- La diminuita efficienza dell'apparato visivo, uditivo e muscolo-scheletrico rendono meno sicura l'andatura e piùprecario l'equilibrio.
- Una dieta poco equilibrata e povera di calcio e vitamina D può causare astenia muscolare, dolori al dorso e agli arti inferiori con effetti dannosi sull'equilibrio e sull'andatura.
- Anche l'ambiente domestico, per motivi economici e sociali non è sempre il più adatto per la persona anziana.
- L'effetto congiunto dei fattori legati all'ambiente domestico, alla ridotta efficienza dell'organismo con l'invecchiamento, a malattie e a disabilità, rende l'anziano molto vulnerabile al punto che piccoli "intoppi" possono causare la caduta.

I fattori di rischio:
- Circa il 70% delle cadute avvengono in casa e in circa la metà dei casi si può individuare un rischio ambientale potenzialmente evitabile.
- La maggior parte delle cadute, come già detto, trae origine però da più cause, risultando dall'azione combinata di fattori legati al normale o patologico invecchiamento e di situazioni ambientali non idonee o sfavorevoli.
- I rischi maggiori li corrono gli anziani che sono già caduti una volta e ciò conferma che l'evento, seppur apparentemente accidentale, trova motivi predisponenti ben precisi che debbono essere identificati e possibilmente corretti.
- Le cadute solitamente accadono durante le attività della vita quotidiana, come camminare o salire le scale o passare da una posizione ad un'altra.
- Le aree domestiche a maggior rischio sono la camera da letto, il bagno, la cucina e il salotto.
- La maggior frequenza si verifica nelle prime ore del mattino, specie nell'atto di scendere dal letto e al crepuscolo quando la luce è più scarsa.
- Il pavimento scivoloso, i gradini, gli oggetti lungo il percorso della deambulazione, l'insufficiente illuminazione, letti troppo alti o troppo bassi, servizi igienici inadeguati e con accessori incongrui sono i fattori ambientali più ricorrenti.
- Molto importanti sono anche i fattori legati alla persona: calzature non idonee, vestiario pesante ed ingombrante che limita i movimenti, occhiali non più adeguati al deficit visivo, bastoni inadatti, o usati in maniera scorretta, girelli poco scorrevoli e carrozzine non adeguate al peso dei pazienti, possono risultare pericolosi.
- Ulteriori fattori di rischio sono rappresentati dall'assunzione di alcol, di farmaci e da una alimentazione non adeguata per quantità equalità.


Prevenzione delle cadute:
- Gli interventi di prevenzione, obiettivo principale del problema delle cadute, possono essere di vario ordine: identificazione ed eliminazione di situazioni legate all'ambiente e alla persona che comportano rischi di caduta (prevenzione primaria) oppure interventi che evitino il ripetersi dell'evento (prevenzione secondaria).
- Altrettanto importante è però la prevenzione generica comprendente una educazione sociale e sanitaria, scopo principale di questo manuale di informazione e di "istruzioni". Insieme al personale di assistenza domiciliare si dovrà predisporre un piano assistenziale mirato, che pur suggerendo una serie di attività meno rischiose, modificando con ciò abitudini di vita sbagliate, soddisfi l'esigenza di una vita attiva in un ambiente sicuro e controllato.
- A tale scopo viene proposta una lista di sicurezza ambientale e di precauzioni personali da osservare.


Precauzioni personali:
- Se vengono a trovarvi dei bambini fate attenzione quando giocano per terra o ai giocattoli lasciati sul pavimento.
- Quando vi chinate o vi allungate, tenetevi sempre ad un supporto ben saldo, evitando di girarvi troppo velocemente.
- Usate pantofole della giusta misura senza tacco.
- Evitate di camminare usando le sole calze.
- Usate preferibilmente scarpe con la para e senza lacci.
- Quando passate dalla posizione sdraiata a quella seduta concedetevi del tempo (1-2 minuti) per trovare l'equilibrio.
- Quando dovete cambiare posizione nella vasca da bagno o sotto alla doccia, reggetevi ad una maniglia fissa.
- Se avete animali domestici fate attenzione ai movimenti improvvisi o a quando vi vengono fra le gambe.
- Controllate periodicamente la vista.
- Seguite una dieta ricca di calcio e vitamina D e fate un moderato esercizio fisico, in particolare all'aria aperta e al sole per mantenervi in forma.
- L'abbigliamento deve essere pratico con indumenti facilmente indossabili e ampi per agevolare i movimenti.
- Nel vestirsi e nello svestirsi è preferibile stare seduti o appoggiarsi al bordo del letto.


Come organizzare gli spazi in sicurezza:
In tutti gli spazi abitativi:
- rimuovere tappetini e arredi bassi in cui si possa inciampare
- fissare gli angoli dei tappeti
- rimuovere gli oggetti dal pavimento
- ridurre il disordine
- rimuovere i fili elettrici sul pavimento
- assicurarsi che ci sia un'adeguata illuminazione durante la notte, specie lungo il percorso verso il bagno
- eliminare tappetini e/o guide sulle scale
- eliminare sedie troppo basse per sedersi
- evitare di lucidare i pavimenti
- far sì che il telefono possa essere raggiunto con facilità.


In bagno:
- installare maniglie nella vasca/doccia e vicino al water
- usare tappetini di gomma nella vasca/doccia
- togliere i tappetini di stoffa ai piedi del lavabo o della vasca/doccia
- se necessario, installare copri water più alti.


All'esterno:
- riparare i marciapiedi
- installare i passamani lungo le scale ed i gradini
- installare un'illuminazione adeguata fuori dal portone e nei viottoli che portano all'ingresso.                         

Fonte: Ulss 5


Articoli più letti: